FRASEGGI

HOME

TEORIA E ARMONIA

INTAVOLATURA

NOTE MUSICALI

TEMPO E RITMO

INTERVALLI

OTTAVE

SCALE MUSICALI

ARMONIZZAZIONI

ACCORDI

POWER CHORD

ALTERAZIONI

CIRCOLO DELLE QUINTE

CADENZE

GIRO ARMONICO

FRASEGGI

PATTERN

PRONTUARIO ACCORDI

A dispetto del nome e del concetto stesso d'improvvisazione, che non dovrebbe porre limiti alle scelte creative del chitarrista, le più diffuse tecniche solistiche nascono da una solida tradizione. Certi passaggi e certi fraseggi, stabilitisi durante l'evoluzione dal blues al rock , sono divenuti dei famosi cliché, e tuttora rappresentano il fondamento di molti assoli di chitarra. Naturalmente, vengono spesso adattati, variati, riordinati e usati in molti modi diversi, a seconda di ciò che richiede la musica e consente l'abilità del chitarrista. Ma vale la pena di impararli, anche solo per capire come viene costruito un assolo rock. Quando e dove poi usarli sta alla sensibilità del musicista che, avendoli attentamente ascoltati in diversi contesti, sa quale ruolo assumono nel rapporto tra diverse idee musicali. Considerateli un trampolino per altri sviluppi, non idee tematiche in sé e per se. Una volta imparati, potrete anche ignorarli e suonare cose totalmente diverse. E facile capire che si riesce a esprimere ben poco di sé usando solamente dei cliché. Per certi fraseggi si deve risalire addirittura a forme d' improvvisazione della musica popolare negra dell'inizio del secolo. Tale musica ed i contenuti espressivi in essa presenti formano la base dell'improvvisazione jazz e rock. Tradizionalmente, un assolo di blues contiene un numero minimo di note. È il modo in cui queste note vengono suonate che produce l'effetto e crea il “blues feeling”. I chitarristi rock hanno in genere assimilato questo concetto, ma introducendovi anche idee di velocità e di eccitamento. I passaggi e i fraseggi che troverete nelle pagine seguenti sono solo alcuni degli elementi che contribuiscono a formare un classico assolo rock. Ricordate che non esistono regole fisse. Sperimentate gli esempi qui riportati e cercate di scoprire come e quando possono o meno funzionare. Imparate i modelli base di diteggiatura e utilizzateli per impostare le vostre personali linee solistiche.
 

Modelli base di diteggiatura
 

Combinando insieme le note usate più spesso in molti generi solistici, è possibile costituire una serie di modelli di diteggiatura da poter usare come base per i vostri assoli. Riportiamo qui sotto alcuni esempi, un gruppo per il modo maggiore e uno per il modo minore. Li abbiamo scritti intonalitàdi A (La), ma voi dovreste imparare a eseguirli nel maggior numero di tonalità e situazioni possibile. Possono essere suonati in ordine sia ascendente che discendente e anche combinati in modi diversi, altrettanto efficaci. Potete tralasciare delle note e aggiungerne altre.
 

Modelli di diteggiatura per assoli in A (La) minore

Modelli di diteggiatura per assoli in A (La) maggiore

Passaggi fondamentali
 

Il glissato sulla corda à un fattore importante di tutti gli assoli rock perchè contribuisce al senso di velocità e al feeling che il chitarrista vuole creare. Ci sono determinati passaggi ricorrenti costruiti su semplici glissati che possono essere utili come punto di partenza per scoprirne altri personali. Uno dei passaggi più comuni è quello suonato sulle due corde alte (esempio 1). Su una corda si fa il glissato, mentre l'altra é premuta normalmente. Ci sono due punti diversi della tastiera per eseguire questo passaggio nel contesto di uno stesso accordo. Una variante di questa tecnica consiste nell eseguire il passaggio su tre corde (esempio 2). Premete la 1° e la 2° corda allo stesso tasto, entrambe col mignolo. Usate l'anulare per premere la 3° corda un tasto sotto. Suonate tutte e tre le note (insieme o una per una) e glissate sulla 3° corda di un tono. Il suono prodotto da questo passaggio é simile a quello di una pedal-steel guitar.
Gli esempi 3 e 4 presentano entrambi un glissato di un tono (= 2 tasti) sulla 3° corda che produce un unisono con la nota premuta normalmente sulla 2° corda. Le due corde possono essere suonate insieme oppure una dopo l'altra.
 

Esempio 1 Esempio 2 Esempio 3
Esempio 4 Esempio 5 Esempio 6

Fraseggi ascendenti con smanicamenti dell'anulare (3° dito)
 

Per passare da una posizione all'altra nel bel mezzo di un assolo occorre prepararsi. Idealmente, dovreste conoscere la tastiera a menadito, così da avere sempre molte scelte disponibili. Perciò, vale la pena di imparare le frasi ascendenti mostrate qui sotto. Sono entrambe basate su scale pentatoniche. Scritte qui in tonalità di E maggiore e E minore, coprono entrambe tutte e tre le ottave dei primi dodici tasti. Iniziando da una nota fondamentale diversa, possono naturalmente essere trasposte ad altre tonalità. Il modello di diteggiatura rimane uguale: viene semplicemente trasferito lungo la tastiera. Il fraseggio del modo maggiore è spesso usato nel rock e nel country, mentre quello minore appare in assoli rock e jazz. Entrambe le frasi illustrano un modo di spostarsi senza sbalzi né fermate lungo la tastiera, aiutandosi con lo scivolato, detto in questo caso anche smanicamento. Per questo, lo scivolato è eseguito sempre con il 3° dito, l'anulare. Avete un'alternativa per la diteggiatura dalla 3° alla 2° corda, e
dalla 2° alla 1°. E importante ricordare che la stessa serie di note può essere suonata in molti modi diversi. Qualsiasi frase inizialmente difficoltosa può essere resa relativamente facile con la localizzazione della migliore diteggiatura. Purtroppo sulla chitarra discendere non è facile come ascendere. Perciò, potrebbe succedervi di dover apportare delle varianti ai modelli per correre lungo la tastiera il più comodamente possibile. Un modo può essere quello di includere dei pull-off o tirati.
 

Fraseggio ascendente in E(Mi) maggiore

Fraseggio ascendente in E(Mi) minore

Fraseggi ascendenti con smanicamenti del mignolo (4° dito)
 

Poiché è tanto importante poter eseguire qualsiasi frase o scala con diverse diteggiature, ecco due frasi ascedenti in cui il 4° dito, il mignolo, non solo dà il via al modello ma opera anche lo smanicamento. I1 vantaggio di questa diteggiatura è che vi porta in un punto strategico per passare rapidamente a una posizione con barré: ad esempio. suonando un accordo. I modelli sono qui in A maggiore e A minore. Sono, in realtà, semplicemente una scala maggiore diatonica e una scala minore naturale allargate orizzontalmente lungo la tastiera. Possono essere facilmente trasportate in tutte le altre tonalità spostando l'intero modello su o giù e portandolo su una nuova nota fondamentale. Come per i fraseggi ascendenti con gli smanicamenti di anulare, dovrete adattare la diteggiatura per eseguire la frase in discesa. E molto importante esercitarsi a lungo su questi modelli e sulle altre diteggiature delle scale per ottenere una maggiore flessibilità nella esecuzione delle linee soliste. Negli studi per chitarra classica, tutte le scale maggiori e minori vengono studiate a partire da ogni dito in tutte le posizioni possibili.
 

Fraseggio ascendente in A(La) maggiore

Fraseggio ascendente in A(La) minore

Fraseggi ascedenti su posizioni a barré fisso
 

Uno dei modi più efficaci per migliorare la propria velocità e fluidità è quello di imparare dei fraseggi veloci con un barré fisso eseguito dall'indice (1° dito). Tutte le note non comprese nel barré sono martellate o tirate. Perciò, ascendendo e martellando colpirete solo le note tenute dal barré. Discendendo colpirete solo le note tenute dalle altre dita e tirerete quelle del barré. Il barré fisso ha il vantaggio di ridurre i rumori provocati dai tasti dietro le note. Potete rendervene conto suonando prima una scelta di note tra il 7° e il 12° tasto con diteggiature normali e poi le stesse note con un barré fisso. Noterete subito quanto sia più chiaro il suono complessivo e come sia più efficace l'uso della mano sinistra. Per queste ragioni la tecnica del barré fisso é una delle caratteristiche principali della impostazione classica della mano sinistra. Le illustrazioni qui sotto mostrano quattro fraseggi fissi, in tonalità maggiore e minore. e con la nota fondamentale sulla 6° o sulla 5° corda. Si tratta come al solito di posizioni mobili che, adattando i modelli a rivolti di accordi, possono essere trasferite lungo la tastiera per suonare in qualsiasi tonalità.
 

Fraseggio maggiore con fond. sulla 6° -Fraseggio minore con fond. sulla 6°
-Fraseggio maggiore con fond. sulla 5°
-Fraseggio minore con fond. sulla 5°

 

 

 

 

 

 

 

TORNA SU