GIRO ARMONICO

 

HOME

TEORIA E ARMONIA

INTAVOLATURA

NOTE MUSICALI

TEMPO E RITMO

INTERVALLI

OTTAVE

SCALE MUSICALI

ARMONIZZAZIONI

ACCORDI

POWER CHORD

ALTERAZIONI

CIRCOLO DELLE QUINTE

CADENZE

GIRO ARMONICO

FRASEGGI

PATTERN

PRONTUARIO ACCORDI

Il giro armonico è una sequenza di accordi relativa ad una specifica tonalità, costruito secondo delle specifiche regole teoriche. Viene spesso sfruttato nella musica moderna, pop, rock, country, jazz. In pratica , quasi tutti i generi musicali possono adottare questo sistema di successione degli accordi. Inoltre, negli strumenti armonici, come il pianoforte, le tastiere e la chitarra, viene spesso sfruttato a scopo didattico. E' un sistema utile, ad esempio, per imparare gli accordi in tutte le tonalità. Ma pụ essere usato, e questo per tutti gli strumenti, anche con lo scopo di studiare e sperimentare l'improvvisazione. Potete infatti trovare anche una sezione appositamente dedicata all'improvvisazione sui giri armonici.
Un giro armonico viene costruito all'interno di una tonalità prelevando quattro accordi relativi a quattro gradi della tonalità di appartenenza. Chiariamo brevemente questo concetto, facendo un esempio in tonalità di C maggiore.
Osservate la sequenza dei gradi della scala maggiore di C .

I   II   III   IV   V   VI   VII   VIII
C   D   E   F   G   A   B   C

Le regole che definiscono la costruzione degli accordi, analizzate nella sezione triadi, ci permette di stabile come da una sequenza di note possano essere estratti gli accordi inerenti ad una specifica tonalità. Nel caso in esempio, e cioè la tonalità di C maggiore, gli accordi relativi alla tonalità di C sono i seguenti:

I   II   III   IV   V   VI   VII   VIII
C   Dm   Em   F   G   Am   Bdim   C

Il giro armonico prevede l'utilizzo di quattro accordi relativi alla tonalità stessa del giro. Questi sono gli accordi che nascono sul I°, VI°, II° e V° grado della scala maggiore, e sono suonati di solito nell'ordine in cui sono stati appena elencati. Nella tonalità di C abbiamo quindi:
 

C     Am     Dm     G7

Avrete anche notato come il G venga suonato come G7. Infatti, solitamente il V° grado della tonalità viene suonato appunto come "settima", mentre il I° è maggiore e il II° e il VI° sono minori.
Il sistema è quindi molto semplice. Per verificare che sia realmente stato compreso a fondo, proviamo a vedere un'altra tonalità, ad esempio quella di A maggiore, della quale possiamo osservarne la costruzione armonica delle triadi.

 

I   II   III   IV   V   VI   VII   VIII
A   Bm   C#m   D   E   F#m   G#dim   A

Operiamo lo stesso procedimento visto prima, in modo da suonare gli accordi posti sul I°, VI°, II° e V° grado della scala maggiore, suonati come sempre nell'ordine in cui sono stati appena elencati. Nella tonalità di A abbiamo quindi:
 

A     F#m     Bm     E7

Ricordiamo sempre che il V° grado viene suonato come "settima".
Costruire un giro armonico è quindi molto semplice. Nello schema seguente potete visualizzare i giri armonici in tutte le tonalità.

 


 
Tonalità VI° II°
C maggiore C Am Dm G7
G maggiore G Em Am D7
D maggiore D Bm Em A7
A maggiore A F#m Bm E7
E maggiore E C#m F#m B7
B maggiore B G#m C#m F#7
F# maggiore F# D#m G#m C#7
C# maggiore C# A#m D#m G#7
G# maggiore G# E#m A#m D#7
D# maggiore D# B#m E#m A#7
A# maggiore A# F##m B#m E#7
F maggiore F Dm Gm C7
Bb maggiore Bb Gm Cm F7
Eb maggiore Eb Cm Fm Bb7
Ab maggiore Ab Fm Bbm Eb7
Db maggiore Db Bbm Ebm Ab7
Gb maggiore Gb Ebm Abm Db7


TORNA SU